pH vaginale: fondamentale contro le infezioni vaginali - Vagisil
Cambia Paese  
×
L’importanza del pH vaginale

Cos’è il pH Vaginale

pH è un termine chimico utilizzato per descrivere il grado di acidità di una soluzione. L’intervallo del pH è compreso tra 1 e 14.

Il pH normale vaginale nell’adolescenza e nell’età adulta è leggermente acido ed è compreso tra 3,5 e 4,5, mentre nell’infanzia e nella vecchiaia, quando i livelli degli estrogeni sono bassi, il pH vaginale si attesta intorno alla neutralità (6-7).

Perché è importante?

Perché mantiene l’equilibrio del delicato ecosistema favorendo la produzione dei batteri “buoni” e limitando la crescita dei batteri “nocivi”. In questo modo si forma un efficiente e naturale sistema di difesa che protegge l’area intima. Il pH vaginale è controllato da un ormone estrogeno i cui recettori si trovano nella vagina. Questo ormone favorisce la produzione di glicogeno che regola la proliferazioni dei batteri buoni chiamati Lattobacilli acidofili. Questi batteri sono fondamentali perché danno origine all’acido lattico. Quest’ultimo rende il pH dell’ambiente vaginale leggermente acido, inibendo la crescita di microorganismi nocivi che possono causare infezioni. La diminuzione della presenza di Lattobacilli favorisce l’instaurarsi di disturbi e infezioni vulvo-vaginali che possono essere trasmesse anche al partner.

Cosa può alterare il pH vulvo-vaginale:

  • Rapporti sessuali
  • Gravidanza
  • Menopausa
  • L’uso frequente di Lavande vaginali.
  • Eccesso di umidità e sudorazione
  • Terapie mediche o farmacologiche (es. antibiotici)
  • Agenti irritanti, ecc.

Suggerimenti per mantenere il corretto pH vulvo-vaginale

Ecco alcuni suggerimenti che le donne possono adottare per mantenere il corretto pH vaginale.

  • Effettuare un’igiene intima quotidiana con un detergente specifico in modo particolarmente accurato durante il ciclo mestruale o dopo un rapporto intimo.
  • Utilizzare acqua tiepida.
  • Utilizzare lavande vaginali solo se necessario e per brevi periodi.
  • Utilizzare indumenti intimi in fibre naturali che lasciano respirare la pelle.
  • Fare una doccia subito dopo un’attività sportiva o aver sudato.
  • Non autodiagnosticarsi un’infezione vaginale in presenza di sintomi insoliti, ma consultate il medico di fiducia

×